Alessandra Buschi . Editor, correttore di bozze e ghost writer

Sono nata in Toscana e ho vissuto la mia infanzia e parte della mia adolescenza a Follonica, in provincia di Grosseto. La mia “storia di scrittura” nasce lì, ma è poi nelle Marche, dove vivo ormai da molti anni, che inizio ad avvicinarmi al mondo editoriale, sia come scrittrice sia come redattrice ed editor per diverse case editrici e, negli ultimi tempi, anche come web copywriter. È sempre nelle Marche che inizio a lavorare nelle scuole e in vari luoghi di aggregazione tenendo corsi di scrittura creativa e di promozione alla lettura.

Come autrice ho avuto l’onore di esordire con Pier Vittorio Tondelli nel volume Giovani blues (Transeuropa 1986 – Mondadori 1991). In seguito ho pubblicato libri di narrativa, di poesia, di saggistica e di narrativa per ragazzi quali: Dire fare baciare (il lavoro editoriale 1990), Se fossi Vera (Fernandel 1999), Il libro che mi è rimasto in mente (Fernandel 2000), Cruciverba (Fernandel 2004), Materie d’esame (Il Foglio Letterario, 2009), Oscar&Oscar (EdiGiò, 2013), Parole salvate (Le Mezzelane, 2018). Diversi i premi e i riconoscimenti che ho ricevuto per i miei lavori e molti i miei testi narrativi e poetici apparsi in antologie e siti web.

La scrittura è stata la mia prima e più grande passione, alla quale nel tempo si sono affiancate anche altre forme espressive, quali il teatro e la pittura.

Un aspetto della scrittura che mi ha sempre fatto riflettere è quanto questa sia un’attività in genere solitaria che però si apre a un pubblico che con molta probabilità neanche conosceremo mai. Il lettore, infatti, è un soggetto molto importante, anzi fondamentale, senza il quale non avrebbe senso voler vedere le proprie opere pubblicate.

Lungo il percorso che segue la fase di scrittura fino al momento in cui un libro sarà sotto gli occhi di un lettore, vi è l’intervento di varie figure: case editrici, grafici, editor, distributori, librai. Figure che curano ognuna una parte di quel “prodotto” che arriverà nelle mani del lettore e che si adoperano perché un libro venga realizzato, distribuito, il lettore sia invogliato ad acquistarlo e sia infine il più soddisfatto possibile di ciò che avrà letto.

Un insieme di professionalità, dunque, che ho sempre creduto debbano lavorare il più possibile in sintonia tra loro per poter soddisfare sia il desiderio dell’autore di esser letto, sia quello del lettore di leggere un buon testo.

La figura dell’editor è secondo me una figura molto importante in questo processo. Una collaborazione, quella tra scrittore ed editor, che persegue lo stesso scopo e di cui difficilmente qualsiasi autore può fare a meno.

Ho sempre ritenuto che i migliori editor siano essi stessi scrittori. Questo perché un editor-scrittore sa cosa significa scrivere, sa quanto un autore tiene alla propria opera, sa quanto impegno c’è dietro la scrittura e quanto è delicato questo momento. Si tratta di un’alleanza che può portare un buon testo a diventare anche una buona lettura, cosa non così scontata come si potrebbe immaginare.

Adoro il lavoro di editor perché so quanto questa fase sia importante per una pubblicazione e come da un rapporto collaborativo di questo genere possa svilupparsi ciò che ogni autore desidera, e cioè che il proprio libro venga apprezzato dai lettori.

Vuoi pubblicare in self, ma non sei convinto del file finale? Vuoi mandare il tuo manoscritto a un editore, ma ha dei dubbi sulla correttezza del tuo testo? Hai quindi bisogno di un correttore di bozze? Vuoi essere messo in contatto con Alessandra e approfittare della sua offerta commerciale?

Alessandra è anche editor freelance e ghost writer. Vuoi migliorare il tuo testo con i suoi suggerimenti di editing? Noi e Alessandra possiamo fare molto per rendere il tuo romanzo un “prodotto” migliore, leggibile, corretto formalmente, accattivante.

Scrivi a informazioni@network.lemezzelane.eu e Alessandra ti risponderà appena possibile.

Alessandra Buschi è nata nel 1963 a Grosseto e attualmente vive nella provincia marchigiana, a Serra de’Conti.

Da molti anni si occupa di progetti di scrittura, lettura, teatro e laboratori centrati sullo sviluppo della persona.

È counsellor, educatrice per portatori di handicap, specializzata in problematiche socio-educative – DSA ed esperta in processi di apprendimento. È presidente di una piccola cooperativa, Urluberlù, che si occupa principalmente della diffusione e della fruizione della lettura, e membro fondatore del Centro di Formazione e Creazione Artistica “La Perla Nera”.

Ha curato e realizzato progetti di lettura e scrittura per molti Comuni, Comunità Montane, Istituti Comprensivi (scuole dell’infanzia, scuole primarie di primo e secondo grado, scuole superiori) e associazioni.

Ha partecipato in qualità di relatore a convegni di letteratura, stage di editoria, presentazioni e corsi di scrittura creativa in varie città italiane.

Da diversi anni è presente in qualità di esperto esterno al Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” di Jesi con laboratori di scrittura creativa sul testo narrativo e poetico.

Ha collaborato per diversi anni alla rivista di letteratura “Fernandel” e al bisettimanale di Vercelli e provincia “La Sesia” e saltuariamente all’“Eco” di Senigallia e a “Comune Nuovo” del Comune di Serra de’ Conti. A tutt’oggi collabora alla realizzazione di testi per i blog dei siti webcrew.it, traccedistudio.it e per altre organizzazioni e aziende presenti sul web.

Ha svolto lavoro di editing, correzione di bozze, composizione, impaginazione e traduzione per varie case editrici; dal 2006 al 2010 ha collaborato con le edizioni Barbera di Siena, per le quali ha curato l’editing di molti testi di narrativa e saggistica. Dal 2018 è editor della casa editrice Le Mezzelane.

In qualità di autrice ha esordito nel volume Giovani blues. Under 25 curato da P.V. Tondelli (Transeuropa 1986 – Mondadori 1991). In seguito ha pubblicato la raccolta Dire fare baciare (il lavoro editoriale 1990), Se fossi Vera (Fernandel 1999), Il libro che mi è rimasto in mente (Fernandel 2000), Cruciverba (Fernandel 2004). Per le edizioni Barbera-Liberamente ha curato nel 2008 Manuale pratico per interpretare i sogni, il volume L’intelligenza. I test. Il quoziente intellettivo e Essere felici. Come, se e perché. Nel 2009 ha pubblicato la raccolta di poesie Materie d’esame, pubblicata dalla casa editrice Il Foglio Letterario. Nel 2013 è uscito il romanzo di narrativa per ragazzi Oscar&Oscar, edito dalla casa editrice EdiGiò, mentre nel 2018 ha pubblicato la raccolta di poesie Parole salvate – intervista poetica, con la casa editrice Le Mezzelane.

Suoi lavori narrativi e poetici sono apparsi in varie antologie, tra le quali Racconta 2 (La Tartaruga); Streghe a fuoco (a cura di Joyce Lussu, Transeuropa); Miguel son sempre mi (Tempi Stretti); La vita è infinita (Livi Editore); Raccontare Trieste; Selvatico e coltivato (Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri); Italiane Duemilaquattro (La Tartaruga/Baldini e Castoldi Dalai); Strettamente personale (Pendragon); La terra e le stagioni. Il “modello marchigiano” nella letteratura contemporanea (Fernandel); Lo scrittore uscì alle ventuno e trenta (Traven Books, 2006); Un libro da impresa (Alitalia, 2008); Dizionario affettivo della lingua italiana (Fandango, 2008), Antologia Parole e China: la Vallesina si colora di giallo (CisInTandem, 2010), Una fiaba per sorridere, una fiaba per commuoversi (Edizioni La Gru, 2012), La donna nascosta (selezione di poesie, Edizioni LietoColle 2013), Racconti Marchigiani (selezione di racconti, Historica Edizioni 2017) nonché su riviste e quotidiani (“Fernandel”, “Il rosso e il nero”, “Tina”, “Le voci della luna”, “Corriere Adriatico”, “La Tribuna”, “Nostro Lunedì”…) e siti internet (“Private”, “Clarence”…).

Oltre al premio “Mastronardi” di Vigevano per la narrativa con Se fossi Vera, nel 2008 ha vinto il premio di poesia “La Fenice – Premio Volpini” della città di Senigallia con la silloge Materie d’esame, nel 2010 il premio “Dickens” con l’opera di narrativa per ragazzi Oscar & Oscar, il premio “Una fiaba per sorridere, una fiaba per commuoversi” nel 2012. Nel 2013 suoi testi poetici sono stati scelti per il premio Verbia Agrestia e nel 2014 alcune sue poesie inedite hanno avuto una segnalazione speciale al Premio “Alpi Apuane”.

Sue performance di poesia, pittura e teatro sono state rappresentate in diverse città marchigiane (“Punteggiatura”, “T.L.S.C.C.I.L.”, “Abiti”). Ha partecipato come attrice a vari spettacoli teatrali e cortometraggi con “La Perla Nera” e altre Compagnie (“Opera Panica”, “R.E.M.”, “La Tempesta”…).

Nel 2015 ha prodotto con Sibilla Montanari lo spettacolo di teatro e danza “La Donna Gufo”, costruito attorno a un suo testo e a una sua colonna sonora, che affronta l’argomento delle “ESI – Esperienze Sfavorevoli Infantili”, anch’esso presentato in vari comuni delle Marche nel corso del 2015 e del 2016.

Dal 2007 espone in varie occasioni suoi lavori pittorici in mostre personali e collettive.

In qualità di ospite ha partecipato a trasmissioni Rai e Mediaset (“Mixer cultura”, “Maurizio Costanzo Show”, “Fahrenheit”, “Dispenser”…) ed eventi culturali nelle maggiori città italiane.